Valle d’Aosta

 

Dalla serie “Viaggio in Italia” una selezione di suggerimenti tra guide, arte, storia, cucina, società, alcini titoli di narrativa e due film ambientati in questa Regione!


Valle d’Aosta: in punta di piedi nel mondo fragile della montagna, villaggi, creste, passi, boschi odorosi e silenzi da preservare
Touring club italiano

Centinia di immagini e la cartografia Touring con il consueto dettaglio: itinerari, piante di città, planimetrie di edifici e monumenti. Oltre 600 indirizzi utili: informazioni pratiche, indirizzi dove dormire, ristoranti e locali, spunti per il tempo libero e lo shopping.
Touring, 2019

 


35 borghi imperdibili della Valle d’Aosta
Stefano Camanni

Un libro per conoscere e visitare 35 meravigliosi borghi della Valle d’Aosta, una regione che è uno scrigno prezioso, protetto dalle montagne più alte e spettacolari d’Europa. Schede tecniche con cartine, tutte le informazioni utili per le visite, un apparato iconografico realizzato ad hoc.
Edizioni del Capricorno, 2016

 


La Via Francigena in Valle d’Aosta e Piemonte: 200 Km dal Gran San Bernardo a Vercelli
Riccardo Latini

Dal passo del Gran San Bernardo in Valle d’Aosta fino alle risaie del Piemonte: otto giorni a piedi su antichi sentieri, strade romane e arterie secondarie. Un itinerario che completa la Via Francigena unendo alla Via per Roma il percorso di Sigerico che proviene da Francia e Svizzera.
Terre di mezzo, 2012

 


Enciclopedia della Valle d’Aosta 
Pietro Giglio e Oriana Pecchio

Il percorso dell’opera è un viaggio alla scoperta di luoghi e di personaggi. E poi l’alpinismo, l’rchitettura, la cartografia, il cibo, i pellegrini e il turismo di massa, la musica e il canto, i cenni storici e la formazione del paesaggio. Inoltre 700 voci in ordine alfabetico che si riferiscono a luoghi, personaggi, istituzioni per disegnare un quadro dei contesti sociali, storici e culturali della regione.
Zanichelli, 2005

 


Fiabe e leggende della Valle d’Aosta
Tersilia Gatto Chanu

Una corposa raccolta di schede dei motivi e dei personaggi della tradizione narrativa valdostana. Sfila la parata di diavoli e streghe, santi e romiti, fate e folletti, draghi e lupi mannari; e non mancano eroi popolari e feroci tiranni, misteriosi viandanti e astuti contadini, preti maghi ed anime in pena.
Newton Compton, 2004

 


Luigi Ghirri, castelli valdostani
Luigi Ghirri

Era la primavera del 1991 quando il fotografo reggiano Luigi Ghirri giunse in Valle d’Aosta per effettuare una sua personale lettura fotografica dei castelli valdostani.
1999

 


4810, Il Monte Bianco: le sue storie, i suoi segreti
Paolo Paci

Percorrendo il Tour du Mont Blanc, l’autore rivive la storia della montagna in chiave contemporanea, raccogliendo vecchi e nuovi racconti sui tre versanti (italiano, francese, svizzero) del massiccio. Salendo le sue cime e scendendo nelle sue profondità, in cerca di indizi che ci dicano quale sarà il futuro del Monte Bianco.
Corbaccio, 2018

lo trovi in emilib ►

 


Valle d’Aosta: Aosta, Cervinia, Courmayeur, Gran Paradiso, Monte Bianco, castelli, parchi, escursioni
Touring club italiano

Il Monte Bianco e il Cervino, il Rosa e il Gran Paradiso, sacre vette dello ‘sport verticale’ e dell’escursionismo, il trekking sul tetto d’Europa, le arrampicate fra i camosci, il rafting lungo la Dora, con vista sul Cervino. E non mancano l’antichità romana di Aosta, il medioevo di Bard, le fortezze di Fénis, Issogne, Verrès, e poi la fontina Dop e i vini di montagna. Info varie a 360 gradi.
Touring, 2014

 


Valle d’Aosta
Daniela Guaiti

Un volume fotografico appetitoso alla scoperta delle specialità culinarie valdostane più tipiche. Ricette tradizionali, prodotti tipici di qualità, storia e cultura, istruzioni passo dopo passo per riuscire a realizzare le ricette più complesse e tante informazioni per conoscere il territorio…stando seduti a tavola!
Gribaudo, 2010

 


Il Monte Cervino
Guido Rey

In ristampa anastatica un titolo classico che ha conquistato generazioni di lettori. Pubblicato per la prima volta nel 1904 e rapidamente tradotto in inglese, francese e tedesco, questo volume diede inizio alla gloriosa tradizione della letteratura di montagna in Italia. Tra realtà e leggenda, sono descritt i luoghi e gli abitanti, gli artisti e gli studiosi che da tutta l’Europa furono attratti dal mitico monte.
Hoepli, 2015

 

• Con un pizzico di letteratura e cinema


Dentro soffia il vento
Francesca Diotallevi

In un avvallamento tra due montagne della Val d’Aosta, al tempo della Grande Guerra, sorge il borgo di Saint Rhémy: un piccolo gruppo di case con in mezzo uno sparuto campanile. Al calare della sera, da una di quelle case, qualcuno esce per avventurarsi nel bosco e raggiungere un capanno dove vive Fiamma, una ragazza, che come faceva sua madre quand’era ancora in vita, prepara decotti per curare ogni malanno…

lo trovi in emilib ►

 


Il pane del diavolo
Valeria Montaldi

1416, Castello di Fénis. Marion è una cuoca straordinaria. Le sue origini saracene ne hanno forgiato il gusto: le spezie, gli aromi, i condimenti insoliti con cui arricchisce i piatti entusiasmano il palato dei nobili commensali riuniti a banchetto. Poi un balzo nel 2016, sempre a Fénis; un delitto di cui dovrà occuparsi il commissario Randisi in un’indagine tra presente e passato.

lo trovi in emilib ►

 


Pralève
Lalla Romano

Una raccolta di racconti di montagna. Pralève è una sorta di diario di villeggiatura, fatto di ritratti di quelle persone un po’ speciali che si incontravano in un paese dell’alta Val d’Aosta, sopra i duemila metri, in cui per una trentina d’anni l’autrice ha trascorso il mese di luglio.

lo trovi in emilib ►

 


I dodici abati di Challant
Laura Mancinelli

Un feudatario del XIII secolo eredita un castello arroccato tra le montagne della Val d’Aosta con la clausola di mantener fede a un maligno obbligo di castità. Dodici abati si assumono il compito di vegliare sull’osservanza dell’impegno, ma scompaiono tutti in una successione di morti misteriose.

lo trovi in emilib ►

 


Fate il vostro gioco
Antonio Manzini

Questa volta il vicequestore di Aosta Rocco Schiavone deve vedersela con una storia di ludopatia e di avidità. Andando su e giù da Aosta al casinò di Saint-Vincent, distante una manciata di chilometri, per l’omicidio di un pensionato, si scontra con le incongruenze di uno Stato che lucra sul fallimento di famiglie trascinate nel fondo del barile dal demone del gioco d’azzardo.

lo trovi in emilib ►

 


FILM
Chi è senza peccato… (1952)
Raffaello Matarazzo

Stefano e Maria, i protagonisti di questo melodramma d’epoca, come emerge anche dai loro cognomi, sono valdostani. Egli afferma che il loro paese natale è Valtournenche, situato nella omonima valle. Tuttavia in una scena girata in esterni, appare con evidenza sullo sfondo il Dente del Gigante, che fa invece parte del gruppo del Monte Bianco e che non è visibile da quella vallata, ma dalla Val Ferret.


FILM
Tutta colpa del paradiso (1985)
Francesco Nuti

Gran parte del film è ambientato in Valle d’Aosta, nella Val d’Ayas, in una tipica baita nei pressi della località Champoluc, nel comune di Ayas. Alcune scene sono state girate nella frazione Pellaud di Rhèmes-Notre-Dame.

 

 

torna all'inizio del contenuto